Sabato 30 gennaio, uniti contro le scritte che hanno deturpato i murales dedicati a Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Beppe Tizian e le vittime della Mafia.

I cittadini  scesi  in Piazzale della meridiana, in cui sono situati i murales dedicati a Paolo Borsellino, Giovanni Falcone e Beppe Tizian, hanno partecipato alla manifestazione per rivendicare l'importanza della Memoria di fronte al gesto balordo di chi ha imbrattato con scritte ingiuriose le due opere murarie .

Rita Borsellino, non potendo essere presente, ha voluto essere con noi a Carpi con questo suo contributo che possiamo vedere in video.

Il suo messaggio è stato letto alla manifestazione da Giuseppe Schena Presidente Fondazione cassa di Risparmio.

 


"Hanno ammazzato Paolo Borsellino. Paolo è vivo.
Paolo Borsellino non è mai morto. E’ ancora qui, tra la sua gente, nella sua città. Lo hanno incontrato, con
i ragazzi della scorta mentre saliva le scale del Tribunale. Ed era ancora lui in piazza Kalsa, tra i bambini.
C’è chi giura di averlo visto a Mondello, altri dicono che ogni giorno passeggia in Via della Libertà. Uomini
come Paolo non muoiono mai, restano sempre con noi, vivono ogni giorno nella mente e nei cuori di chi li
ricorderà per sempre."