Presentazioni letterarie, letture e spettacoli sul fascismo, antifascismo e la deportazione tramite la narrazione dei suoi protagonisti... per la Giornata della Memoria.

 

Si parte ... sabato 23 gennaio, con una conferenza dedicata alla storia di Liana Millu, insegnante genovese che trascorse un periodo presso il Campo di Fossoli che dedicò il resto della sua vita a raccontare l'esperienza della deportazione.
A raccontarne le vicende saranno Ottavia Piccolo e Piero Stefani, che ne ripercorreranno la sua vita, intervallati da intermezzi musicali di Lucilla Mariotti. 

Mercoledì 27 gennaio alle ore 21.00 presso il Teatro comunale, si terrà lo spettacolo "Mamsér-Bastardo. La storia di Angelo Fortunato Formaggini", dalla Compagnia Teatro dell’Argine e dedicata alla memoria di uno dei più importanti editori del Novecento, scrittore ed umorista in proprio; un ebreo simpatizzante  del fascismo che alla promulgazione delle leggi razziali ripudiò la propria ammirazione per Mussolini ma soprattutto un inguaribile utopista, un intellettuale che intendeva il proprio lavoro come una missione, spinto da un autentico amore per i libri piuttosto che per il denaro; un moderno Don Chisciotte che scontò col suicidio nel 1938 la barbarie dei tempi in cui fu costretto a vivere. Ingresso gratuito. 

 

Il calendario di eventi prosegue fino a domenica 31 gennaio, alle ore 16.00, presso la sede della Fondazione Fossoli, con la presentazione del libro "Mino Steiner, il dovere dell’antifascismo" di Marco Steiner, e a cura dello stesso, in cui ripercorrerà la biografia dell'avvocato milanese tramite documenti e appunti raccolti nell'archivio di famiglia, risalente al periodo di reclusione nel Campo di Fossoli. 

Domenica 7 febbraio, alle ore 16.00 , presso il Museo Monumento al Deportato, la  performance di lettura "Le sette disgrazie. Vita e morte di Marta e Jader nei ricordi e negli scritti della figlia Franca Spizzichino D’Atri", a cura dell'autrice Donatella D’Atri, con inframmezzi dei ragazzi del Meucci Lab.
Il libro racconta la storia di Franca, una ragazzina ebrea di 14 anni, madre dell'autrice, alla quale vengono arrestati in casa i genitori e consegnati ai tedeschi. Nessuno di loro farà ritorno. Dai suoi scritti, dalle lettere intercorse con la madre durante la prigionia, dai racconti fatti alle sole figlie emergono a brandelli i contorni della sua tragica storia. 

La partecipazione agli appuntamenti è gratuita!

PER INFO:
Fondazione Fossoli - Via G.Rovighi, 57 - Tel. 059 68 82 72 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

APERTURE STRAORDINARIE:
Museo Monumento al Deportato:
Mercoledì
27 gennaio , dalle ore 10.00 alle ore 13.00; dalle ore 15.00 alle ore 19.00. 

Campo di Fossoli:
Sabato 23 gennaio
, dalle ore 14.30 alle ore 18.00 ;
Mercoledì 27 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 12.30 - dalle ore 14.30 alle ore 17.30. 

EX-Sinagoga:
Domenica
31 gennaio, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 - dalle ore  15.00 alle ore 19.00 .
Al Museo e al Campo in occasione del Giorno della Memoria verrà infine replicato a ciclo continuo il film "Crocevia Fossoli" prodotto e realizzato dalla Fondazione stessa.